Cose da vedere e non perdere a Cefalionia

Da non perdere a Cefalonia


In un’isola splendida come Cefalonia, caratterizzata dal giusto equilibrio di natura e storia, le cose da non perdere sono talmente tante che avrete bisogno di più di una vacanza per riuscire a vederle tutte. Non è un caso, infatti, che i turisti ritornino spesso per ammirare le bellezze che hanno già visto e per andare a scoprirne delle nuove. Il vero vanto di quest’isola è infatti quello di essere una meta turistica molto affollata, ma di aver saputo conservare quel sapore selvaggio ed incontaminato che è davvero difficile ritrovare altrove.

Le meraviglie naturali di Cefalonia

Oltre alle acque limpide ed alle spiagge paradisiache, Cefalonia ha qualcosa di più da offrire ai suoi turisti: gli incredibili fenomeni naturali che si nascondono nel territorio dell’isola. Da vedere assolutamente è il Lago Melissani, a poca distanza da Sami. Si tratta di un lago di acqua salmastra nascosto all’interno di una grotta a cielo aperto, dove i turisti vengono ad ammirare l’incredibile spettacolo dei raggi del sole che si riflettono sul pelo dell’acqua creando un gioco di luci e riflessi che lascia davvero senza fiato. Proprio a poca distanza da qui si trova la bella Grotta di Drogarati, due stanze sotterranee dove è possibile ammirare stalattiti e stalagmiti datate a migliaia di anni fa. Qui, in questa atmosfera splendida, è possibile ascoltare concerti all’interno di una camera che gode di un’acustica ottimale e dal cui soffitto piovono sulla vostra testa secolari stalagmiti. Non è assolutamente da meno il Monte Enos, la vetta più alta di tutta Cefalonia, meta ideale per escursioni di trekking e lunghe passeggiate. Da qui, completamente immersi nella natura rigogliosa dell’isola, potete godervi una delle più belle viste panoramiche che abbiate mai conosciuto.

Siti storici e culturali a Cefalonia

La prima cosa che non potete perdere di Cefalonia sono i villaggi che ne popolano il territorio, di cui purtroppo potrete apprezzare il loro aspetto moderno, dovuto alla ricostruzione seguita al terremoto che nel 1953 devastò totalmente l’isola. Immancabile una visita ad Argostoli, Assos, Fiskardo, Lixouri e Skala, tutti caratterizzati da un’atmosfera accogliente ed ospitale. Ma i siti di interesse storico ed archeologico si trovano al di fuori dei villaggi, sparsi qua e là sul territorio di Cefalonia. Per gli amanti di storia antica, sono assolutamente da non perdere le belle tombe micenee di Mazarakata, la villa romana di Skala e le rovine normanne di Fiskardo. Tenendo conto dell’importanza della religione nel territorio, ci sono tantissime chiese ed edifici sacri da visitare, ma quello che senza dubbio non potete perdere è il Monastero di Agios Gerassimos, dove vi calerete in un’atmosfera assolutamente unica ed onirica.